Cos'e' e come funziona la propagazione DNS

Supponiamo che abbiamo un sito web ed un nome a dominio associato ad esso,  ospitato da un altro Hosting Provider Casule che on sia Hosting99, e noi vogliamo cambiare il nostro hosting provider per portarlo con Hosting99.

Per farlo, abbiamo ottenuto le informazioni per il nuovo account, il  cordiale supporto tecnico ci ha già aiutato ad ottenere i contenuti del sito sul nuovo server che ospiterà il nostro account. Tuttavia, i visitatori del nostro sito ancora non  vedono  il sito web se digitano l'URL nel proprio browser.

In primo luogo, dobbiamo aggiornare il nostro dominio con i namserver corretti, di solito  semplicemente accedendo al sito del registrar e modificando i namserver del dominio con quelli che il nostro nuovo fornitore di hosting ci ha fornito.

Ora, la nostra nuova configurazione DNS è impostata correttamente e tutto dovrebbe funzionare, giusto?

Sbagliato, perché in tutto il mondo,l' ISP , i visitatori del nostro sito,  ed una serie di altri membri della rete e componenti hardware hanno ancora le vecchie informazioni memorizzate nella cache DNS nella loro memoria. E, poiché tutti hanno diversi valori TTL,  sarà necessaria anche una diversa quantità di tempo per fornire le infromazioni DNS aggiornate,   fino a quando non verranno aggiornate  le loro cache, per fornire la corretta informazione aggiornata.

 

La propagazione DNS in azione

 

Cerchiamo di studiare un esempio con il dominio test99.net, che abbiamo registrato per questo scopo.
Abbiamo modificato la zona DNS del dominio che vengono presentati ai nameserver autorevoli. Gli stessi nameserver sono stati modificati anche nei records del registrar.

Ora, possiamo controllare che alcuni membri della rete hanno aggiornato la cache e sono già in grado di visualizzare il sito web attraverso l'uso di uno strumento di propagazione dei DNS checker, come http://whatsmydns.com

 

 

Dopo 6 ore abbiamo nuovamente interrogato il nostro DNS checker tool, e possiamo vedere che i prograssi della programazione DNS sono evidenti.
Ora, diversi server in tutto il mondo hanno le informazioni aggiornate e memorizzate nella cache , e loro sono in grado di risolvere il nome a dominio test99.net in modo corretto.






Dopo 24 ore di corso di propagazione DNS il quadro si presenta così:


 

Dopo aver eseguito questo test, possiamo testimoniare che tutti i namserver scelti a caso in tutto il mondo hanno rinfrescato la loro cache e possono  risolvere il dominio test99.net fornendo a chi effettua l'interrogazione l'indirizzo IP corretto del server sul quale è ospitato.

Quindi, ora il dominio test99.net può essere aperto da qualsiasi browser in tutto il mondo.

Ricordiamo però che questo è un caso a se, perché il dominio test99.net  è un dominio nuovo, registrato per questo test. Nessuno lo ha mai letto prima, quindi alcun ISP o router possiede informazioni su di esso memorizzate nella cache.
Nel caso di un dominio più vecchio,  il processo di propagazione DNS puo  richiedere fino a 3 giorni, perché la maggior parte degli ISP imposta  il proprio TTL per le loro cache in modo tale da ridurre il carico sulla rete, e più lungo è il TTL, meglio è.


Conclusione

Facciamo la somma di tutte queste informazioni:

Il registrar del dominio è il responsabile della pubblicazione di informazioni DNS del nome a dominio al primo livello DNS ( Server root)

Quando il dominio sarà pubblicato, viene collocato in una directory che viene trasmessa al server DNS primario di tutto il mondo. Il server DNS primario, a sua volta,  trasmette verso il server DNS secondario e così via e così via.

Questo processo è noto come propagazione e può impiegare un massimo di 72 ore.

Il termine propagazione si riferisce alla quantità di tempo necessaria per tutti i server DNS  in tutto il mondo impigao a riconoscere il fatto che sia un nuovo dominio e che sia stato registrato, o che un nome a dominio è stato modificata, o che l'autorità competente per tale dominio è stata cambiata.

Non sempre sono necessarie 72 ore per la completa propagazione dei DNS. Per la maggior parte degli utenti, il periodo di propagazione è terminato in questo lasso di tempo, ma non ci sono garanzie che tutti i browser di tutto il mondo siano in grado di aprire il sito prima di 72 ore.

 

Hai trovato questa risposta utile?

 Stampa Articolo

Leggi anche

Ridurre l'utilizzo di risorse

Se il tuo sito e un cms tieni conto che ogni plugin/compoenente/modulo/widjet  che installi...

Come pubblicare un sito - cPanel File Manager

Una volta completato, il sito può essere pubblicato sul server in diversi modi. Mostreremo i...

Come pubblicare un sito - Dreamweaver

  Dreamweaver (CS5) è un programma che permette non solo di creare un sito web, ma di caricarlo...

Come pubblicare un sito - FTP client

Un altro modo per caricare i file sul tuo account di hosting è utilizzare un client FTP.Con...

Come pubblicare un sito - Pagina Index

Ci sono diversi metodi per costruire un sito. Potresti essere un esperto php / html / css , con...